Serve aiuto?

Contatti

Se la risposta che stavi cercando non è qui o hai una domanda sul sito, scrivici qui.

Fare una richiesta #

A cosa serve Chiedi? #

Chiedi è una piattaforma di social mailing basata sul software open-source Alaveteli, sviluppato dall’ong britannica mySociety e oggi localizzata in 18 paesi. Chiedi serve a inviare richieste di accesso ai documenti detenuti dalle Pubbliche Amministrazioni e a mantenere questo processo di richiesta pubblico e trasparente. In Italia queste richieste sono regolate dalla Legge 241/1990 sull’accesso agli atti amministrativi e dal diritto di accesso civico stabilito dal Decreto 33/2013.

Emh...cosa?#

In parole povere, se ti serve un documento o un’informazione dal tuo Comune, da un Ministero o da qualsiasi altra Pubblica Amministrazione, Chiedi ti permette di richiederlo in maniera semplice, perché ti aiuta a trovare gli indirizzi di posta elettronica certificata ai quali indirizzarla e ti guida nella procedura. In più, una volta che l’hai inviata, ti aggiorna sullo stato della tua richiesta e ti permette di condividere pubblicamente i risultati. In questo modo le risposte che ottieni possono servire anche ad altri e le amministrazioni saranno incoraggiate a rispondere nei 30 giorni di legge per fare bella figura.

Chi può usare Chiedi?#

Giornalisti, attivisti, aziende, ong e in generale ogni cittadino. Ricorda solo che ciò che chiedi e ciò che ottieni viene sempre pubblicato sul sito in chiaro. Se hai bisogno di fare una richiesta senza renderla pubblica contattaci.

Come funziona Chiedi?#

Dopo esserti iscritto, puoi inserire una richiesta di accesso sul sito e noi la spediremo alla Pubblica Amministrazione che hai indicato. Quando la PA risponde, la risposta (e i documenti allegati) verranno pubblicati sul sito di Chiedi e tu riceverai una notifica. Se vuoi rispondere nuovamente puoi farlo sempre dal sito di Chiedi. Quando il processo di richiesta è completo, aggiorna lo “stato della richiesta” per informare gli altri utenti se tutto è andato a buon fine o se al contrario la pubblica amministrazione ti ha negato l’accesso ai documenti che hai richiesto.

Per la tua prima richiesta#

Quali dati devo fornire per iscrivermi a Chiedi?#

Semplicemente nome, cognome e una tua email.
In aggiunta puoi anche caricare una tua foto e una tua breve biografia. Se intendi fare diverse richieste di accesso, avere un profilo più completo potrebbe essere d’aiuto. Innanzitutto dimostri alla Pubblica Amministrazione la serietà del tuo impegno e di volerci mettere - letteralmente - la faccia. Se sei un giornalista (e quindi puoi appellarti aldiritto di cronaca e rivendicare di essere portatore di un interesse pubblico a conoscere determinate informazioni) puoi inserire in questo spazio un riferimento alla tua professione e rafforzare la tua richiesta.

Come invio una richiesta?#

Dopo esserti iscritto al sito clicca su “Inserisci Richiesta” e segui la procedura guidata. Dovrai semplicemente selezionare l’amministrazione alla quale inviare inviare la richiesta e poi completare il testo della richiesta. Se non hai mai fatto una richiesta di accesso continua a leggere questa pagina o scarica e consulta il Legalleaks italiano.

Per fare una buona richiesta#

Quali informazioni posso richiedere in quanto cittadino?#

Secondo la legge italiana puoi accedere a due tipi di documenti :

  • quelli che ti riguardano in prima persona
  • i documenti che la Pubblica Amministrazione è obbligata per questioni di trasparenza a pubblicare ma che non ha ancora pubblicato
Nel primo caso, cita nella tua richiesta la “Legge 241/1990” come riferimento normativo; nel secondo caso il “Decreto 33/2013”.

Se vuoi aiutarci ad aggiungere un intero gruppo di istituzioni mancanti, contattaci: te ne saremo davvero grati!

Sono un giornalista: per me valgono regole differenti?#
Sì e no. I giornalisti sono, almeno in teoria, portatori di un interesse pubblico a conoscere determinate informazioni e l’accesso è importante per esercitare la libertà di espressione garantita dall’Articolo 21 della Costituzione. Purtroppo però questa prerogativa non viene sempre riconosciuta dalle pubbliche amministrazioni. Per informazioni più precise Diritto Di Sapere ha creato una guida apposita per i giornalisti professionisti chiamata LegalLeaks che puoi scaricare gratuitamente qui.
E se faccio parte di un'associazione#

La tua associazione può fare richiesta in quanto “portatrice di un interesse collettivo”. Questi interessi sono le finalità dell’associazione e devono essere esplicitamente menzionati nello statuto associativo. Cita esplicitamente nella tua richiesta gli articoli dello statuto che richiamano questo interesse.

Ma non mi servono documenti: ho bisogno di foto/video/banche dati!#

Secondo la legge italiana, si intende come documento amministrativoogni rappresentazione grafica, fotocinematografica, elettromagnetica o di qualunque altra specie del contenuto degli atti” (art. 22, comma 1, lett. d), Legge n. 241/1990). Questo vuol dire che le disposizioni si applicano anche al materiale audiovisivo e che, ad esempio, i documentaristi possono usare questo diritto anche per procurarsi filmati o foto per i loro prodotti.

Non sono sicuro di quale riferimento normativo inserire, che faccio?#

Fare riferimento specifico al tuo diritto di accesso o al tuo diritto di accesso civico è fondamentale: in questo modo dimostri al tuo interlocutore che conosci i tuoi diritti e ti assicuri che il procedimento segua le norme di legge.
Proviamo a riassumere qui:

  • se vuoi richiedere un documento che tocca un tuo interesse specifico (un concorso al quale stai partecipando, l’appalto della tua azienda) invoca l’applicazione della 241/1990;
  • se sei un giornalista e stai scrivendo un pezzo su un argomento per il quale ti serve un documento, richiama l’applicazione della 241/1990 e specifica che in quanto giornalista sei “portatore di interesse pubblico in quanto soggetto titolare di diritto di cronaca ai sensi dell’articolo 21 della Costituzione”;
  • se vuoi un documento che riguarda le performance, i provvedimenti, il personale (guarda la lista intera) della Pubblica Amministrazione, invoca il Decreto 33/2013.

Consulta la nostra pagina sul diritto di accesso se hai ancora dubbi.

Se pensi che per il documento che stai richiedendo siano applicabili entrambe le norme, citale entrambe.

Devo motivare la mia richiesta?#

Se vuoi ricorrere all’accesso classico sì, se vuoi ricorrere all’accesso civico non importa.
Non preoccuparti di scrivere lunghe argomentazioni, la motivazione deve essere espressa in maniera chiara e concisa.

Chiedo delle informazioni o dei documenti?#

Chiedi dei documenti: più sei preciso maggiori sono le probabilità di successo della tua richiesta. Se lo conosci, indica un riferimento a numeri di archivio o di catalogazione. La legge 241/1990 stabilisce all’articolo 22.4 che “non sono accessibili le informazioni in possesso di una pubblica amministrazione che non abbiano forma di documento amministrativo”.
Il diritto di accesso all’estero si sta sviluppando verso il riconoscimento del della possibilità per i cittadini di porre domande. Se quello che hai bisogno di sapere non è riferibile ad alcun tipo di documento puoi comunque provare a inviare una richiesta, o contattare in maniera più informale l’URP della Pubblica Amministrazione che ti interessa.

Chiedo delle informazioni o dei documenti?#

Secondo la Legge sull’Accesso puoi esercitare il tuo diritto di accesso su un documento finché la pubblica amministrazione ha l’obbligo di detenere quello specifico documento.

Non ho molto tempo, cosa posso fare?#

Se il documento ti serve con urgenza fallo presente nella richiesta di accesso spiegando dettagliattamente le motivazioni dell’urgenza. In generale, considerando i tempi di attesa per ricevere risposta, proponiti, quando possibile, di programmare le richieste e inviarle all’inizio della tua ricerca di informazioni: nel frattempo puoi condurre indagini in parallelo.

Quindi, quali regole devo seguire per fare una buona richiesta?#
  • Scrivi in maniera semplice, chiara ma precisa;
  • Fai riferimento specifico alla legge 241/1990 o al decreto 33/2013;
  • Chiedi i documenti in formato elettronico;
  • Se pensi che parte dei documenti possa ricadere tra le eccezioni previste dalla legge dividi la domanda in due parti e fai due richieste separate.

Problemi#

Cosa posso fare contro le eccezioni?#

Solitamente le eccezioni rientrano nelle categorie di sicurezza nazionale, ordine pubblico, crimini su cui le indagini sono ancora in corso, protezione di alcuni interessi privati, dalla privacy dell’individuo ai segreti aziendali, e ai processi legati alla politica monetaria e valutaria.

Comunque considera che anche se l'informazione richiesta ricade tra le eccezioni, non è detto che i dati non siano del tutto accessibili: in alcuni casi la P.A. dovrà fornirli omettendo i dati sensibili e segnalandolo al cittadino.

Per questo, se pensi che parte dei documenti possa ricadere tra le eccezioni previste dalla legge, dividi la domanda in due parti e fai due richieste separate.

Entro quanto tempo la Pubblica Amministrazione deve rispondermi?#

La richiesta deve ricevere risposta entro 30 giorni (solari, non lavorativi).

In caso di mancata risposta, la richiesta si considera respinta. Puoi però presentare ricorso al TAR, al Difensore Civico o alla Commissione d’accesso: anche in questo caso la legge prevede che la risposta sia dovuta entro 30 giorni.

Diritto di Sapere ti invierà una email se non ricevi una risposta nei tempi di legge. Potrai quindi mandare un ulteriore messaggio all'amministrazione interessata per segnalare la scadenza dei termini.

Quanto mi costa?#

La visione dei documenti è gratuita.
Ricevere una copia cartacea del documento in questione comporta costi pari a quelli di riproduzione del documento (fotocopia, DVD ecc) e di bollo. In molti casi è possibile richiedere la versione elettronica dei documenti in questione a costo zero.

Non sono sicuro su quale sia l'amministrazione giusta a cui fare richiesta. Come faccio?#

Lo sappiamo, è difficile orientarsi nei meandri della Pubblica Amministrazione e capire a chi inviare una richiesta di accesso. Ecco alcuni consigli:

  • Esplora Diritto di Sapere e cerca richieste simili alla tua
  • Quando hai trovato l'amministrazione che pensi possa avere l'informazione che ti serve, usa il link “homepage” sul lato destro per capire di cosa si occupano
  • Contatta l'amministrazione per telefono o via email per capire se hanno l'informazione che ti serve
  • Non ti preoccupare troppo se non si tratta dell'ufficio giusto. In quel caso, a norma di legge, dovrebbero segnalarti a chi inoltrare la richiesta
  • Invia più richieste: se non sei sicuro di quale sia l’istituzione competente, non c’è nulla che vieti di inviare la medesima richiesta a due o tre organi della Pubblica Amministrazione
  • In casi particolarmente complicati scrivici
Nel vostro elenco non c'è l'amministrazione che sto cercando!#

In questo momento nel sistema ci sono gli indirizzi dei ministeri, delle regioni e dei comuni capoluogo di regione. Man mano aggiungeremo altre amministrazioni; per favore scrivici e segnala il nome della P.A. che stai cercando e, se riesci a trovarlo, anche l'indirizzo da utilizzare per inoltrare le richieste di accesso.

Se vuoi aiutarci ad aggiungere un intero gruppo di istituzioni mancanti, contattaci: te ne saremo davvero grati!

Perché devo mantenere la mia richiesta specifica?#

Inserisci solo quanto necessario a identificare il documento di cui stai facendo richiesta.
Non aggiungere:

  • lunghe argomentazioni sulle tue motivazioni (ricorda: nessuna motivazione se usi il decreto 33/2013!)
  • insulti o contenuti diffamatori.

In caso contrario, dovremo rimuovere la tua richiesta per evitare problemi legali, che comporterebbero problemi per noi e per te. Messaggi brevi e concisi aiutano l'amministrazione a identificare l'informazione che ti serve e a darti una risposta più rapida.

Se vuoi informazioni per sostenere una campagna, l'accesso può essere uno strumento potente. Anche se non userai questo sito per la tua campagna, ti invitiamo a usarlo per ottenere le informazioni che ti servono. Ti incoraggiamo, anzi, a creare un sito per la tua causa – un modo molto semplice è creare un tuo blog e collegarlo a una pagina Facebook. Se hai un sito o un blog, segnalalo in una nota alla tua richiesta (puoi inserire note alla tua richiesta dopo averla inviata).

E se non mi rispondono#

In caso di mancata risposta, la richiesta si considera respinta. Puoi però presentare ricorso al TAR, al Difensore Civico o alla Commissione per l'Accesso: anche in questo caso la legge prevede che la risposta sia dovuta entro 30 giorni.
Ecco altre cose che puoi fare:

  • Potrebbe esserci stato un problema tecnico per cui la richiesta non è mai arrivata. Se pensi possa essere questo il caso, telefona all'ufficio a cui hai mandato la richiesta e verifica che l'abbiano ricevuta.
  • Se non l'hanno ricevuta, il problema potrebbe essere il filtro dello spam. Segnalalo all'ufficio – e spiega loro che su Diritto di Sapere c'è anche una pagina per aiutarli
  • Se ancora non ricevi risposta puoi presentare ricorso al TAR, al Difensore Civico o alla Commissione per l'Accesso: anche in questo caso la legge prevede che la risposta sia dovuta entro 30 giorni. Ecco un elenco di cose che puoi fare.
E se non sono soddisfatto della risposta?#

Se non ricevi l'informazione richiesta, se la ricevi in ritardo rispetto ai termini di legge, leggi la nostra pagina a riguardo.

Voglio capire meglio come funziona tutto il meccanismo dell'accesso...#

Leggi la nostra pagina sul diritto di accesso.
Qui trovi il manuale LegalLeaks, che abbiamo creato e aggiornato (ad aprile 2014) apposta per fornire tutte le informazioni necessarie sull'accesso.

Voglio capire meglio come funziona tutto il meccanismo dell'accesso...#

Al momento Diritto di Sapere è progettato solo per richieste pubbliche.
Se vuoi che la tua richiesta rimanga privata, devi contattare direttamente l'istituzione. Se vuoi ulteriori informazioni scrivici

Ho fatto una richiesta senza usare il sito, come faccio a caricarla nell'archivio?#

Diritto di Sapere è un archivio di richieste fatte attraverso il sito e non vuole necessariamente raccogliere tutte le richieste di accesso che vengono inviate. Per questo motivo non carichiamo richieste non presentate attraverso il sito.

Tra l'altro, non saremmo in grado di verificare l'esistenza di eventuali risposte arrivate dall'amministrazione in questione. Se il tema ti sta particolarmente a cuore, ti chiediamo di inviare nuovamente la richiesta usando il sito.

Come funziona la moderazione delle note alle richieste?#

Le note alle richieste servono per aiutare gli utenti a ottenere le informazioni di cui hanno bisogno o per segnalare loro altre modalità con cui trovare indicazioni utili. Ci riserviamo il diritto di rimuovere tutto quello che non rientra in queste categorie.
Diritto di Sapere non è il luogo adatto per infinite discussioni sulla politica. Pubblicate nelle note il link a un forum o sito dove la conversazione può continuare agevolmente.